skip to Main Content
+39 02 8321594 info@cimispa.it
Un Po’ Di Storia Dell’oro

Un po’ di storia dell’oro

  • News

La storia dell’oro: l’oro viene da sempre considerato un metallo di grandissimo valore, non solo economico ma anche simbolico; non è infatti inusuale assistere a matrimoni, cresime e cerimonie dove vengono regalati piccole manufatti placcati in oro. Nonostante inizialmente possa sembrare che questo materiale deve la sua fama soltanto al mercato di compravendita sviluppatosi negli ultimi anni, in verità bisogna scavare molto più a fondo per riuscire a capirne la notorietà. Andiamo a vedere insieme quando appare per la prima volta nella civiltà e il ruolo assunto nella società, che migliaia e migliaia di anni fa era completamente diversa.

Venerato dagli egizi

Stando ai documenti e agli oggetti rinvenuti dagli storici nelle bare degli antichi faraoni, sembra che l’oro fu per la prima volta utilizzato dagli antichi egizi, che lo consideravano un dono delle divinità. Si va da normali collane e orecchini, fino a pastoni, troni regali e tanto altro ancora; è inutile dire che solo i più ricchi e potenti potevano concedersi questo lusso. Un aspetto che mette subito in evidenza l’importanza dell’oro per gli egizi riguarda proprio le punizioni che essi infliggevano ai ladri, condannandoli alla morte immediata. Dallo studio effettuato sui campioni d’oro dell’epoca è stato possibile scoprire che già allora avveniva la fusione e la colatura negli stampi. Una volta raccolte le pietruzze le riponevano in grossi calderoni, che a loro volta venivano inseriti nei forni; così facendo riuscivano a far passare l’oro allo stato liquido, dove grazie agli stampi poteva assumere qualsiasi forma.

Utilizzato dalle donne romane

Anche i romani continuarono a prendersi cura dell’oro e a scoprire nuove tecniche di lavorazione, facendolo diventare un gioiello assolutamente da possedere per le donne. Come avrete già capito, nella civiltà romana gli imperatori non si interessavano affatto all’oro, che era considerato un affare da donne, di troppa poca importanza per un uomo forte e spietato; questa particolare svalutazione diede modo anche a donne appartenenti a classi meno nobili di possedere gioielli in oro. Per quanto riguarda invece la tecnica di lavorazione, troviamo finalmente un grandissimo miglioramento.
I calderoni degli antichi romani sono completamente realizzati in metallo, materiale in grado di resistere molto meglio alle alte temperature, senza mescolarsi con l’oro nel processo di fusione. Gli stampi erano per la stragrande maggioranza forme di orecchini o collane, oggetti molto piccoli ma raffinati, al contrario dei grandi scettri e bastoni egizi.

L’oro nei miti e nelle leggende

Oltre all’uso materiale dell’oro che le civiltà facevano, troviamo anche la comparsa all’interno di miti e leggende, dove però il materiale assume un significato puramente simbolico. Come vi abbiamo già accennato in precedenza, l’oro era considerato simbolo di purezza e regalità, pertanto nelle antiche storie erano molti gli oggetti che venivano descritti come opere fatte in oro, anche se ciò non era possibile; per farci un’idea più chiara e concreta basta pensare alla mela d’oro, della quale bastava soltanto un moro per ottenere l’eterna giovinezza, anche se nella realtà un alimento fatto in oro sarebbe impossibile da mangiare. Ovviamente le leggende romane non sono le uniche che adottano l’oro nei racconti, perfino la stessa bibbia si narra fosse placcata in oro, riuscendo a guarire le piaghe di chiunque la toccasse.

Una merce di scambio

Dopo tantissimi secoli di dominanza assoluta, sopratutto dal punto di vista economico, l’oro comincia a subire una forte svalutazione, dovuta sopratutto all’adozione da parte della Gran Bretagna di monete in oro. Se prima infatti sembrava un materiale pregiato per pochi, una volta trasformato in moneta e messo nelle mani di tutti, è diventato un metallo senza grande importanza, che persino i più poveri potevano possedere. Questa svalutazione ovviamente non poteva durare a lungo, produrre monete in ora significa dover avere a disposizione grandi quantità, che la Gran Bretagna non aveva. L’oro cominciava a scarseggiare sempre di più e il governo iniziava a pentirsi della produzione monetaria in oro; cominciò subito una corsa frenetica all’estrazione, che porto centinaia di minatori al lavoro, ognuno focalizzato a trovare la maggiore quantità. Come del resto era prevedibile, la moneta in oro fu subito ritirata dal commercio e questo nobile metallo ritornò di nuovi ai vecchi tempi di gloria.

Il valore dell’oro oggi

Oggi, come sicuramente già saprete, l’oro è un metallo di immenso valore, continuamente ricercato. Ovviamente non viene utilizzato soltanto come oggetto, ma anche nel campo industriale per la produzione di micro parti per macchinari di ogni genere. Questo inserimento all’interno del mondo industriale è principalmente dovuto alle sue notevoli caratteristiche, che altri metalli non posseggono; non è soltanto luccicante, ma anche duttile, malleabile e resistente. Dopo anni di intense estrazioni avvenute in ogni parte del mondo, ed in maniera incontrollata, rimangono purtroppo ben poche le tonnellate a nostra disposizione, aspetto che ha fatto lievitare ancora di più il suo prezzo di vendita. Gli investitori di tutto il mondo sembrano aver avviato da diversi anni una corsa matta all’acquisto di gettoni e lingotti, il cui valore in futuro sarà inestimabile. Anche la nostra azienda, da moltissimi anni, lavora e produce ogni sorta di prodotto in oro, non solo per applicazione lavorativa, ma anche idee regalo, dischi e monete. Se anche voi volete immergervi nel mondo dell’oro, e iniziare ad espandere la vostra collezione, non vi resta che rivolgervi al nostro banco metalli; un esperto del settore esaminerà le vostre richieste e troverà il modo migliore per venire incontro alle vostre esigenze, sempre in maniera onesta e trasparente.

Back To Top